Finger Food, quando l’arte si gusta in un boccone

Written by

finger food niko sinisgalli

In principio c’era lo “stuzzichino”, quel pasto leggero e appetitoso che accompagnava aperitivi, merende ed eventi informali. Ma i tempi sono cambiati e sempre di più oggi si parla di Finger Food,  un termine che indica un nuovo modo di intendere la gastronomia, fatta di cibo che si gusta a piccole quantità, in un sol boccone. Ma soprattutto, dimenticandosi di forchetta e coltello.

In realtà oggigiorno gustare il cibo con le mani è ancora una prerogativa diffusa in molte culture di tutto il mondo che considerano il tatto come il senso più “intimo” dell’uomo e il più importante per la percezione delle emozioni e del gusto.

Del resto l’uso del cucchiaio e del coltello risale alla nascita della nostra civiltà, e il contatto diretto tra mani e cibo ha assunto una connotazione negativa soltanto nel XVI secolo, con la codifica del Galateo.

Oggi al contrario gli amanti del bon ton non dovranno preoccuparsi: il Finger Food è glamour e versatile, e si adatta perfettamente ad ogni tipo di occasione. Non è raro infatti trovarlo tra i tavoli di eventi formali come cerimonie e banchetti nuziali, così come agli aperitivi e agli incontri informali tra amici e colleghi.

Rispetto al passato quindi, fortunatamente assistiamo ad un’inversione di tendenza e il Finger Food è riconosciuto come un modo nuovo e divertente di godere i piaceri del cibo, uniti a socializzazione e mondanità.

Ecco perché preparare un Finger Food non è mai un gesto banale: gusto e creatività vanno combinati in assoluto equilibrio. La presentazione non solo vuole la sua parte ma è assolutamente protagonista del risultato finale.

Desideri preparare un buon Finger Food?

Se vuoi ottenere un risultato d’effetto, ecco quali sono gli aspetti che non puoi assolutamente tralasciare:

– Genuinità: la bontà degli ingredienti va sempre al primissimo posto, in ogni occasione. Preferisci le preparazioni che richiedono ingredienti freschi e possibilmente di stagione.  Ricorda, utilizzare materie prima d’eccellenza è assolutamente necessario se vuoi ottenere un risultato di qualità.

– Creatività: è la parola d’ordine in fatto di Finger Food. Perciò scatena la tua creatività prestando attenzione all’accostamento di gusti e colori.

– Presentazione: non dimenticare infine di eseguire un impiattamento a regola d’arte: trovi alcuni consigli in questo articolo. Scegli un piatto o un supporto adeguato alla pietanza (come un cestino o un bicchiere), che invogli l’occhio e allo stesso tempo renda facile il consumo. Se lo desideri, puoi decorare la portata con strumenti belli da vedere e facile da impugnare.