Niko Sinisgalli nominato ambasciatore della cultura enogastronomica

Written by

Niko-Sinisgalli_Piero-Marrese-1

Per l’occasione, l’executive chef del Ristorante Tazio e del Bar & Restaurant Posh di Palazzo Naiadi – The Dedica Anthology a Roma dedica un piatto alla Città dei Sassi Niko Sinisgalli, executive chef del Ristorante Tazio e del Bar & Restaurant Posh di Palazzo Naiadi – The Dedica Anthology a Roma, è l’Ambasciatore della cultura enogastronomica della Basilicata e di Matera Capitale Europea della Cultura 2019.

A lui dunque l’onore di rappresentare dentro e fuori dai confini nazionali il patrimonio culinario di una delle regioni del Sud Italia più in voga del momento, che sta attraversando una fase di riscoperta senza precedenti.

La nomina, conferita di recente dal presidente della Provincia di Matera, Piero Marrese, premia il talento dello chef lucano, considerato tra i più creativi rappresentanti dell’alta cucina italiana e soprattutto della sua terra d’origine.

La sua storia, infatti, parte dalle prime ricette ideate nell’osteria di famiglia, al fianco della nonna, per arrivare a creazioni degne di un artista, fortemente legate alle tradizioni locali e al gusto italiano, che lo hanno portato sul tetto di Roma e non solo.

Un racconto lungo oltre 15 anni, fatto di passione, sacrifici, sperimentazione, continua ricerca e tante proposte che hanno incantato personaggi come Liam Neeson, Sofia Loren, il Dalai Lama, Richard Gere e Wilbur Smith e che lo stesso chef ha deciso di raccogliere in un libro intitolato “Fornelli Creativi” (Il Cigno CG Edizioni – Roma), tradotto anche in inglese per Matera Capitale Europea della Cultura 2019.

Ma l’omaggio di Niko Sinisgalli alle proprie radici passa soprattutto dai fornelli e, in occasione della nomina, da un piatto squisitamente dedicato alla Città dei Sassi: Naif di seppie del Metapontino con vino Aglianico all’anice stellato e microsfere di gelatine di percoche.

“Eclettico, innovativo, sorprendente. Lo chef Niko Sinisgalli” – ha detto il presidente della Provincia di Matera, Piero Marrese, in accordo con la Fondazione Matera-Basilicata 2019, nel corso della cerimonia presentata da Francesca Brienza – “è l’interprete chiave dell’exploit che sta interessando la nostra regione. Il suo lavoro improntato sulla valorizzazione del territorio d’origine, che rappresenta il dogma stesso della Basilicata, sta facendo scoprire a tutti le meraviglie gastronomiche che custodisce questa terra rimasta isolata per anni e ora aperta al mondo”.