Pesce crudo, una tradizione tutta italiana

Written by

pesce crudo niko sinisgalli

Correggimi se sbaglio, quando senti parlare di pesce crudo non puoi fare a meno di pensare al sushi, riconosciuto da molti come il “cibo degli Dei” che dal lontano Oriente ha attraversato l’Europa spopolando nelle nostre città negli ultimi 5 – 10 anni.

Nulla togliere a questa preziosa cucina, ma la verità è che ogni volta che pensiamo al sushi, noi italiani, ci stiamo dimenticando da dove veniamo.

La cucina italiana in materia di pesce crudo non ha davvero nulla da invidiare a quella nipponica!

Se ci pensi bene, è la nostra stessa dieta mediterranea a ricordarci quanto sia importante mangiare pesce regolarmente, almeno 2 o 3 volte a settimana, per godere delle sue innumerevoli proprietà nutrizionali: oltre a contenere fosforo, vitamine e proteine il pesce fa bene alla nostra salute per l’apporto di Omega3, presente soprattutto nel tonno, nel salmone e nel pesce azzurro (merluzzo, alici, sgombro…).

Ma perché proprio il pesce crudo?

Devi sapere che dal punto di vista nutrizionale il pesce crudo è davvero eccellente in quanto contiene preziose vitamine utili per la nostra salute (in particolare B1, B2, B5, E). Vitamine che, se sottoposte a cottura però, rischiano di essere alterate.

Ecco perché se vuoi godere al massimo delle proprietà benefiche del pesce, la cosa migliore che puoi fare è gustarlo crudo o al massimo marinato, ma sempre dopo averlo abbattuto. L’abbattimento è infatti la tecnica più utilizzata in cucina per eliminare eventuali batteri che si annidano naturalmente nell’animale.

Quale pesce consumare crudo?

Come dicevo sopra, noi italiani possiamo ritenerci molto fortunati in tema di materia prima ittica. Grazie alle numerose varietà di pesce che offrono i nostri mari, la nostra cucina da sempre si sbizzarrisce nell’offrire ricette a base di pesce.

Ne sono un esempio le ostriche, prelibatissime da consumare crude con succo di limone, oppure la ricciola che ben si presta ad accostamenti esotici (ne ho parlato in questa ricetta) o ancora la tartare di tonno con aceto o salsa di senape; oppure l’ombrina, ottima in abbinamento con lime, peperone crudo e cipolla rossa.

Se dei un amante del pesce e lo apprezzi anche nella versione cruda, nel menù del ristorante Tazio troverai diversi piatti appetitosi, che sono sicuro sapranno prenderti per la gola e deliziare i tuoi occhi e il tuo palato.